Come funziona l’ortocheratologia.

L’ortocheratologia è una tecnica non chirurgica e non invasiva per la riduzione reversibile della miopia, di alcuni casi di astigmatismo e di presbiopia, mediante lenti a contatto particolari, dette “a geometria inversa”. Si tratta di lenti gas permeabili, da mettere di notte durante il riposo, studiate per permettere un effetto di modellamento del profilo corneale e rimanere ben centrate sull’occhio anche con la palpebra chiusa. Mentre indossi la lente vedrai bene come se portassi una lente correttiva convenzionale. Quando la rimuoverai continuerai a vedere bene anche ad occhio nudo grazie all’effetto di modellamento avvenuto.

Sul lavoro.

Durante il lavoro e soprattutto per alcuni tipi di lavoro (corpi speciali, piloti, lavori a contatto con polveri) il forte ed intenso sforzo visivo può essere causa di stress e può comportare un rischio per chi è miope e deve utilizzare lenti a contatto oppure occhiali.

 stress-da-lavoro[1]Per chi lavora all’aria aperta possono aumentare i rischi di abrasioni alle cornee causati da corpi estranei e, soprattutto per chi deve portare lenti a contatto, l’utilizzo di protezioni non sempre è sufficiente. Così come gli occhiali costantemente ricoperti di polvere possono creare dei seri problemi a chi lavora. Con l’ortocheratologia non ci sarà più bisogno di occhiali o di lenti a contatto durante i turni di lavoro e per tutto il resto della giornata, eliminando notevolmente lo stress lavorativo e migliorando la qualità e le condizioni del nostro tempo al lavoro.

Nello studio.

Ore e ore passate sui libri o fissando lo schermo di un computer: per chi deve ricorrere a occhiali o lenti a contatto questo tipo di attività può diventare pesante. La lente per ortocheratologia elimina la costrizione di ausili per la correzione del difetto visivo, permettendo di vedere bene in libertà per tutta la giornata ed eliminando lo stress da affaticamento e arrossamento degli occhi.

Lenti a Contatto Notturne

Ortocheratologia, una soluzione ai difetti della vista. Le limitazioni dovute a difetti della vista sono spesso un ostacolo alle normali attività che svolgiamo ogni giorno. Al lavoro, come nello studio, una vista non perfetta può rendere meno efficace o disturbare le nostre performance. Si ricorre allora all’ausilio degli occhiali o delle lenti a contatto.

Le lenti per ortocheratologia correggono il tuo difetto visivo (miopia, astigmatismo, presbiopia) mentre dormi, permettendoti di vedere bene ad occhio nudo, senza ausilio di occhiali o lenti a contatto quando sei sveglio. A differenza delle normali lenti a contatto, le lenti per ortocheratologia non si portano durante il giorno, ma si indossano prima di andare a dormire e vengono rimosse la mattina. Questo permette di veder bene ad occhio nudo, senza lenti a contatto e senza occhiali per tutta la giornata.

Se deciderai di interrompere l’uso delle lenti Paragon il tuo occhio, in breve tempo, ritornerà nelle sue condizioni iniziali, grazie all’effetto reversibile di queste lenti.

Ortocheratologia, fa per me?

Allo stato attuale l’ortocheratologia può correggere molti difetti di vista, ma non tutti indiscriminatamente. I migliori risultati si possono ottenere per miopie fino a 6 diottrie; inoltre si conseguono eccellenti risultati anche per astigmatismi, presbiopie. L’applicazione di lenti per ortocheratologia è controindicata generalmente in condizioni oculari che non consentono l’uso di lenti a contatto di tipo convenzionale. Solo dopo una visita specialistica e dopo alcune prove preliminari, il tuo centro di fiducia ti confermerà se sei un soggetto idoneo all’uso delle lenti per ortocheratologiche.

Quanto tempo per avere i risultatati?

Già dopo la prima notte di utilizzo delle lenti potrai notare dei risultati evidenti. I tempi necessari per ottenere la correzione completa del difetto visivo, con risultati durevoli per tutta la giornata,variano da soggetto a soggetto, tenendo conto del grado di miopia da correggere.

L’ortocheratologia è sicura?

L’uso di qualsiasi tipo di lente a contatto è sicuro solo se ci si sottopone a controlli periodici e si rispettano scrupolosamente le regole di utilizzo e di igiene indicate dallo specialista. L’uso di lenti per ortocheratologia non comporta rischi sostanzialmente maggiori rispetto alle lenti convenzionali. topografia

Le lenti che vengono usate per l’ortocheratologia sono lenti molto sofisticate, che lasciano arrivare all’occhio l’ossigeno necessario anche quando la palpebra è chiusa. La forma a geometria inversa” è studiata appositamente per modellare la cornea senza danneggiare la superficie dell’occhio.

Per i giovani.

È ormai documentato scienticamente che le lenti a contatto per ortocheratologia sono un mezzo fra i più efficaci per bloccare o rallentare la progressione miopica nei giovani. Diversi studi internazionali a livello universitario hanno dimostrato che l’ortocheratologia non presenta maggiori rischi rispetto a normali lenti a contatto gas-permeabili. I miglioramenti visivi a breve termine sono stati dimostrati con successo su migliaia di soggetti, n dal 1962, dai più qualificati contattologi di tutto il mondo. È clinicamente provato che le lenti a contatto  gas-permeabili sono un mezzo fra i più efficaci per bloccare o rallentare la progressione miopica. Tra i più recenti ad autorevoli studi in materia, ricordiamo il “Singapore Study” del Dr. Khoo e lo studio condotto dal dipartimento di Oftalmologia dell’Università di Tsukuba, Giappone. I risultati, condotti su oltre 100 bambini tra i 10 e i 12 anni, hanno confermato il rallentamento della progressione miopica nei soggetti che hanno  utilizzato lenti a contatto gas permeabili, rispetto ai coetanei che utilizzavano solo gli occhiali, con notevoli vantaggi soprattutto tra quelli in più rapida progressione. Per questa ragione, in assenza di controindicazioni è auspicabile non rimandare l’utilizzo di lenti a contatto  gas-permeabili aspettando che la miopia non peggiori.

MIOPIA

Abbiamo fino adesso parlato di ortocheratologia per correggere la miopia, a questo punto credo che sia importante sapere effettivamente che cosa è la miopia.
Innanzi tutto dobbiamo sapere che esistono vari tipi di miopia, ma noi ci occuperemo del tipo più frequente, ovvero la
Miopia assiale il principale fattore di squilibrio è dato dall’allungamento dimensionale del bulbo oculare, in particolare nel suo asse antero- posteriore, che può assumere connotazioni degenerative, progredendo sino a valori molto elevati che possono raggiungere valori anche superiori alle 30 diottrie, anche dopo lo stabilizzarsi delle dimensioni corporee,
questa prende il nome di Miopia patologica.occhio%20miope%20con%20immagine[1]
In pratica l’immagine di un oggetto posto all’infinito va a formarsi anteriormente al piano retinico, cioè nel vitreo.
Il sistema ottico oculare presenta così rispetto alle sue dimensioni, un eccesso di potenza ( converge di più i i raggi luminosi ) che provoca lo sfuocamento dell’immagine retinica.

L’ortocheratologia và a ridurre la potenza corneale, riportando così l’immagine nella retina.

Vediamo ora delle immagini retiniche prima e dopo l’applicazione di lenti ortocheratologiche.

immag cornea prima di o-kCornea post orto-k

 

 

 

 

 

 

 

Prima dell’applicazione                                                              Dopo applicazione

In questo caso reale possiamo vedere chiaramente la riduzione della cornea ( ricordiamo che sono solo pochi micron),
oltre alla totale scomparsa dell’astigmatismo.

Vi mostrerò ora le immagini topografiche prima e dopo l’applicazione.

immagine topografica prima dell'orto-kimmagine topografica dopo orto-k

 

 

 

 

 

 

 

Foto 1                                                                                         Foto 2

Nella foto 1 si vede chiaramente la clessidra in giallo che ci fa capire che siamo difronte anche ad una cornea astigmatica, mentre la foto 2 è la topografia del dopo applicazione.
Il cerchio in giallo rappresenta una potenza data dallo spostamento dell’epitelio corneale, tale da ridurre la potenza nella zona visiva, oltre all’eliminazione totale dell’astigmatismo.

Per ulteriori informazioni contattateci.

Luciano Orzani
Fisico Industriale
Ottico- Optometrista
Igienista Oculare
Diploma Esperto qualificato in riabilitazione visiva dell’adulto
( conseguito presso la Scuola Italiana di Ipovisione di Firenze  S.I.I. )
Socio fondatore del  G.I.O.  (Gruppo Igienisti Oculari )